Mondored
loading...
2021-05-crowdtesting-Mondo-Red-Cos'è-Quando-Serve

Crowdtesting: che cos’è e quando serve

Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di crowdtesting, soprattutto nelle medie e grandi imprese.

Innanzitutto definiamo insieme di che cosa si tratta. Il crowdtesting è una metodologia di test utilizzata per analizzare App, Software e siti web prima dell’effettivo rilascio, al fine di rintracciare i possibili bug e verificare la qualità di touchpoint digitale.

Il mondo del web marketing diventa sempre di più user centric: la persona, con i suoi bisogni e desideri, è il centro di gravità su cui sviluppare qualsiasi progetto. Chi può essere più indicato, se non il tuo target di riferimento, a dirti come dovrebbero funzionare i tuoi prodotti, come dovrebbe essere sviluppato il tuo sito web oppure il tuo shop online?

Scopriamo maggiori informazioni nel corso dell’approfondimento.

Perché effettuare il crowdtesting è fondamentale

Tra il 2020 e il 2021 il ciclo di produzione del mondo digitale è diventato sempre più veloce.

Gli strumenti messi a disposizione dal web vanno accuratamente e costantemente collaudati, sia per individuare ed eliminare bug e difetti, sia per incontrare il gusto del pubblico e offrire una esperienza utente fluida in una situazione mutevole.

Facciamo un esempio pratico e quotidiano. Stai realizzando un nuovo sito web, dotato di e-commerce.

Nella fase di sviluppo, sicuramente qualcosa potrebbe esser tralasciato, o non adeguatamente progettato. Perché?

Per il semplice fatto che a forza di lavorarci, ci si potrebbe convincere che (ad esempio) un invito all’azione, tecnicamente conosciuto come call to action, sia adeguatamente posizionato, oppure che un flusso che dovrebbe condurre a una conversione sia ben progettato, quando in realtà questo aspetto non corrisponde al reale.

L’obiettivo del crowdtesting

Il crowdtesting ha l’obiettivo di verificare come target di riferimento riesce effettivamente a utilizzare, per le finalità stabilite, l’app, il chatbot o il sito web che è stato sviluppato. Ad esempio, si osserva se il tester è in grado di completare con facilità e senza intoppi una procedura d’acquisto su una piattaforma di e-commerce, o un’operazione di pagamento su un’app di online banking.

Nella propria esperienza d’uso, il collaudatore può anche verificare se la app è troppo lenta in fase di caricamento, e se le prestazioni di esecuzione dell’operazione non sono adeguate.

Il crowdtesting, se effettuato in modo ottimale,  dovrebbe quindi portare a:

  • L’identificazione di Bias cognitivi;
  • Risultati di ricerca più accurati;
  • Una migliore User Experience.

Gli aspetti sottovalutati

In Italia è stato costatato come gli utenti abbiano uno stile di navigazione mobile first per accedere a internet.

Lo smartphone si usa soprattutto per accedere ad app e siti web, o per contattare aziende di cui si è clienti. Su app e siti mobile vi sono però inconvenienti che ostacolano la navigazione e una fluida fruibilità di funzioni e servizi. Ad esempio, talvolta l’utente è costretto a compilare form troppo lunghi, o stenta a identificare subito link, touch target, funzioni di ricerca. Evitare tali problemi, e rendere app e siti più “mobile friendly” è fondamentale, perché, indica l’Osservatorio, il 48% degli utenti prova frustrazione su siti non intuitivi; in aggiunta, per colpa di bug o problemi di “user experience”, l’80% delle app vengono disinstallate dopo un solo utilizzo.

Continua a seguire le nostre news per non perderti gli aggiornamenti del mondo digital.

Vuoi ottimizzare la tua presenza online? Il team di Mondo Red ti aspetta!

Contattaci per maggiori informazioni

Share with:
VIEW
CLOSE
Cookie Policy -  Privacy Policy